Notizie da Candiolo

02.10.2012

Record di incassi per la 14esima edizione della Pro Am della Speranza

La 14esima edizione della Pro Am della Speranza ha raccolto oltre 210.000 euro, segnando così il nuovo record per il torneo golfistico di charity a sostegno della nostra Fondazione. La manifestazione, che si è tenuta il 29 settembre al Royal Park I Roveri di Torino, si è rivelata un evento di successo che ha potuto contare sul sostegno di oltre 55 privati e aziende patrocinanti, 69 amatori e di 23 giocatori professionisti che hanno guidato le squadre in gara. Su tutti, Matteo Manassero, Edoardo Molinari, Andrea Pavan e Costantino Rocca.

Il ricavato della manifestazione è stato interamente devoluto alla nostra Fondazione per contribuire al finanziamento dei lavori di realizzazione della Seconda Torre della Ricerca e della Cura dell’Istituto di Candiolo, iniziati lo scorso gennaio. Il nuovo edificio avrà una superficie di 17mila mq e sarà dedicato alla ricerca multidisciplinare e alle attività assistenziali del Centro.

Al termine della gara, gli ospiti si sono riuniti nella Club House del Royal Park per la cena di ringraziamento. La serata è poi proseguita con l’asta condotta dal torinese Marco Berry, durante la quale sono stati battuti oggetti appartenenti al mondo del design e cimeli sportivi.

L’edizione del 2012 si è differenziata dalle precedenti perché ha unito sotto il segno della solidarietà due realtà già fortemente legate dalla personalità di Allegra Agnelli, presidente del Royal Park I Roveri e della Fondazione, che commenta: «sono felice della buona riuscita dell’evento di quest’anno in favore di un progetto in cui credo molto e per cui stiamo lavorando intensamente. Visto l’ottimo risultato di oggi, auspico di poter avere la stessa calorosa accoglienza e folta partecipazione anche nel 2013».

Le fa eco Matteo Manassero: «sono molto contento di aver preso parte a questo appuntamento organizzato qui, nel mio circolo, il Royal Park. L’evento ci permette di contribuire a una causa importante, il sostegno alla ricerca per la cura del cancro».

Edoardo Molinari aggiunge: «il golf e il Royal Park ancora una volta scendono in campo in prima persona per sostenere la ricerca scientifica e medica, e vedo con piacere che come me in moltissimi hanno voluto aderire» e Costantino Rocca conclude: «la Pro Am della Speranza è un’ottima occasione per dare un aiuto concreto a chi soffre, non posso che essere orgoglioso di essere tra i partecipanti».

La manifestazione di quest’anno, inoltre, ha visto l’avvio di una nuova e importante collaborazione: quella con Sadem e Gruppo Arriva come azienda organizzatrice dell’evento.

ARCHIVIO NOTIZIE DA CANDIOLO
s